Strict Standards: Non-static method StatiRecord::init() should not be called statically in /home/sorrisismaglianti/sorrisismaglianti.it/htdocs/config/app.config.inc.php on line 10

Strict Standards: Non-static method NmnBaseMvcDispatcher::dispatch() should not be called statically in /home/sorrisismaglianti/sorrisismaglianti.it/htdocs/index.php on line 17
Organizziamo un pigiama party?

postato da: Silvia Schettini

ORGANIZZIAMO UN PIGIAMA PARTY?

Per organizzare un perfetto pigiama party: 1) concedete qualche ‘schifezza’, per una volta, ma poi subito a lavarsi i denti prima di dormire! 2) stendete materassi per terra e dotate i bambini di coperte o sacchi a pelo 3) per una volta lasciate che facciano tardi!

Da quando ci siamo trasferiti a Londra abbiamo avuto modo di scoprire, piano piano, le "usanze locali".

E quando si ha un figlio in età scolare è inevitabile che, prima o poi, torni a casa con il suo bell'invito ad uno sleepover.

Per dirla con parole nostre: viene invitato a dormire a casa dell'amichetta/o di turno.

E, di solito, ogni sleepover che si rispetti inizia con un pigiama party.

Che a me, puntualmente, torna in mente Grease e Rizzo che prende in giro Sandy...

Ma tornando a noi: siccome so che quest'anno ci toccherà organizzarne almeno uno, forse é bene prepararsi una scaletta per non farsi trovare impreparati.

Dunque, di cosa abbiamo bisogno per la riuscita di un pigiama party?

 

- Una stanza dedicata all'evento, grande abbastanza per giocare, mangiare e dormire

- letti gonfiabili o sacchi a pelo (se non si dispone di divano letto)

- cibo veloce e pratico da mangiare (pizzette, nuggets, spiedini di frutta, muffins dolci e salati, mini burger)

- qualche gioco da tavolo o il sempreverde Twister (e no, niente battaglia di cuscini!)

- qualche film / cartone (a seconda dell'età dei partecipanti, che qui si inizia presto).

 

Insomma: organizzare un pigiama party non è difficilissimo.

E soprattutto è divertente e, perché no, è un modo per i genitori per tornare bambini per una serata e per i figli per sentirsi grandi.