Strict Standards: Non-static method StatiRecord::init() should not be called statically in /home/sorrisismaglianti/sorrisismaglianti.it/htdocs/config/app.config.inc.php on line 10

Strict Standards: Non-static method NmnBaseMvcDispatcher::dispatch() should not be called statically in /home/sorrisismaglianti/sorrisismaglianti.it/htdocs/index.php on line 17
Compiti a casa: Favorevoli o Contrari?

postato da: Lucia Busca

COMPITI A CASA: FAVOREVOLI O CONTRARI?

Compiti a casa: 1) mai sostituirsi al bambino ‘per fare più in fretta’ 2) non lamentiamoci dei compiti davanti al bambino, ma piuttosto parliamone con la maestra 3) se un bambino è molto bravo, impariamo a lodarlo!

Se diciamo la parola “scuola” qual è la prima cosa che vi viene in mente?

Probabilmente, oltre al grembiule e  al materiale da comprare, salteranno fuori i compiti a casa.
Lo spauracchio di studenti e genitori.
Ma, secondo voi, esiste una ricetta per trasformare i compiti in un momento divertente ?
E, soprattutto: li vedete come una cosa positiva o pensate che i compiti a casa siano poco utili all’apprendimento di vostro figlio?

Noi proviamo a dirvi la nostra.

Compiti SI perché:

  • i bambini hanno bisogno di imparare un metodo e soprattutto di imparare cosa sia il dovere
  • l'impegno e la volontà si costruiscono e si rafforzano con la costanza e l'esercizio
  • un compito portato a termine (bene o male non importa) è la prova che non molliamo e che diamo il meglio di noi

Compiti NO perché:

  • tornare a casa, soprattutto nel caso del tempo pieno, e affrontare i compiti può essere faticoso per i bambini
  • oltre alla stanchezza c’è anche la perdita di concentrazione, che fa raddoppiare, o triplicare, il tempo impiegato a completare i compiti
  • e soprattutto non si vive di solo studio. Meglio “distrarsi”, magari con un’attività sportiva.

Ecco la nostra Ricetta: troviamo un modo divertente per imparare (interpretando un personaggio storico, giocando con i numeri “magici”, acchiappando nuove parole) e anche l’impegno farà capolino da dietro l’angolo in cui era nascosto!

Se poi mamma e papà si uniscono al gioco, allora sì che può essere una festa!
Lo fate anche voi a casa?